Arteterapia

Cos’è l’arteterapia?

“Arteterapia è disegnare dall’intimo” (Cathy A. Malchiodi)

Questa è la definizione che preferisco, un’efficace sintesi di ciò che accade in un setting di arteterapia.

Il setting è spazio protetto che creo perché tu possa entrare in contatto con il tuo mondo interiore e tempo prezioso per dedicarti al processo creativo.

Il setting è il luogo del nostro incontro dove puoi condividere, se vuoi, le sensazioni emerse ed esplorare preoccupazioni, insicurezze, ansie. Io sono testimone e alleata, presenza discreta che facilita l’auto espressione, la riflessione, il cambiamento e la crescita personale.

Nel nostro setting non c’è giudizio né aspettativa, solo la voglia di mettersi in gioco e la curiosità di scoprire cosa le immagini possono raccontarci: non le interpretiamo, riflettiamo insieme su ciò che è stato creato.

Perché fa bene?

Attraverso l’uso dei materiali, il processo creativo e la relazione con l’arteterapeuta si può trovare sollievo in momenti stressanti o critici, ma anche conoscersi meglio, regalarsi dei momenti di creatività in una quotidianità un po’ monotona, facilitare una trasformazione personale.

Per iniziare un percorso di arteterapia non c’è bisogno di ‘saper disegnare’ e i motivi per cui si decide di farlo possono essere diversi. L’obiettivo più importante ha quasi sempre a che fare con la comprensione di sé e delle proprie emozioni.

Pensiero visivo, linguaggio non verbale, libertà di esprimersi, creazione di qualcosa di tangibile sono gli ingredienti che rendono efficace l’esperienza e riescono, poco a poco, a creare cambiamenti duraturi.

Vuoi provare?

Se hai voglia di sperimentare la forma di arteterapia più adatta a te puoi dare un’occhiata qui o scrivere a stefania@vitacreattiva.it

foto arteterapia